Territorio

Smrt fašizmu, sloboda narodu!







domenica 18 novembre 2012

Dall'inizio del nostro tempo.

Io non so
se sia questo mondo
o il solo fatto di vivere
o una carenza di endorfine
che scatena quest'ansia
e veste di nero i pensieri.

Vi vedo
figlia mia,
figlio mio,
compagna mia da sempre.

Vi guardo cercare a tentoni
qualche attimo di pace.
Un minuto di felicità.

Siete il mio specchio,
per questo riesco ad amarvi.

10 commenti:

  1. Vorrei che qualcuno destinasse a me queste parole...Questo è l'amore: dedizione, cura, condivisione degli affanni in questo mondo che corre troppo veloce, che non lascia spazio a ciò che, spogliati di tutti i desideri più futili, è la nostra utopia: fermare la corsa e riappropriarsi della nostra serenità, dei nostri affetti più cari.

    RispondiElimina
  2. Ma allora riusciamo ad amare solo noi stessi?

    RispondiElimina
  3. Sembra una proiezione di te in loro, come se ti stessero rimandando la tua stessa immagine, le tue paure, la tua ricerca di pace e felicità.
    Motivo per cui li ami? Non so ... qualcosa non mi quadra ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ama chi si riconosce

      Elimina
    2. I tuoi figli, anche se fossero completamente diversi da te, li ameresti comunque. Era questo che intendevo.

      Elimina
    3. ma loro SONO diversi da me :)

      Elimina
    4. ad ogni modo ho l'impressione che a volte tu mi legga il pensiero... sarà un bene? sarà un male?

      Elimina
    5. Magari abbiamo pensieri simili :)
      Un mio amico, nonché ex capo, diceva che avevo una forte empatia e che riuscivo sempre a cogliere i suoi stati d'animo. Non so se sia vero, ma talvolta, almeno con le persone con cui si crea una certa "familiarità", può capitare. Una cosa è certa ti leggo in modo assiduo da diversi mesi, magari mi sarò semplicemente sintonizzata sulla tua stessa frequenza :)
      (comunque tranquillo non ho carpito segreti importanti, nè scabrosi :))

      Elimina
  4. Per capire gli altri, l'unico mezzo che abbiamo è la nostra esperienza individuale.
    Negli altri possiamo vedere un'immagine di noi.
    Qualcosa che capiamo.
    Quindi li riconosciamo.
    Questo fa la differenza.

    RispondiElimina