Territorio

Smrt fašizmu, sloboda narodu!







venerdì 24 ottobre 2014

Di mattina in autunno

L' uomo camminava,
ansimando leggermente.

Osservava i propri pensieri,
aggrovigliarsi e dipanarsi,
come veloci nuvole cangianti.

Alzò lo sguardo e ne impresse uno nella memoria:
"Finalmente un cielo azzurro;
come dovrebbe essere,
come era, in autunno, quando ero ragazzo".

Per un istante si sentì sereno
 

4 commenti:

  1. Di sera in autunno ...

    La donna era in auto e mentre lui le parlava guardava il cielo. Dopo il forte vento di qualche giorno prima, era tornato ad essere una massa cupa. All'orizzonte si stagliava la collina di Superga, ma in basso lo skyline non era più lo stesso. Due grossi mostri, i grattacieli di Piano e Fuksas, avevano rovinato per sempre il panorama della "bassa" Torino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi niente happy end...

      Elimina
    2. No. Anzi. Mi aspetto di peggio. Cielo cupo su Torino.

      Elimina