Territorio

Smrt fašizmu, sloboda narodu!







mercoledì 5 dicembre 2012

Viola

Sono tornato a casa
con un peso sul cuore
che mi trascina giù.

Tocco il fondo
della mia insania,
non riesco ad alzarmi.

La mia anima è un buco nero
dentro un buco nero
dentro un buco nero.

Non c'è coraggio.
Non più.
Né decisione o volontà.

Sono stanco e invecchiato
e per la prima volta debole
e incerto.

Ho bisogno di te figlia mia,
perché tu venga a salvarmi,
a togliermi da questo pozzo.

Con i tuoi occhi lucidi e riconoscenti,
per un complimento,
per un abbraccio e una carezza,
che ti avevo dato,
qualche tempo fa.

La vita che ti esplode dentro
si riversa fuori e mi contagia.





 

14 commenti:

  1. Non so cosa sia successo, ma spero sinceramente che tu possa liberarti di questo peso che ti opprime. Te lo auguro di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia una forma di follia non completamente conclamata che a volte mi regala mazzate "a" gratis.
      La vita che conduco da qualche mese non aiuta.

      Elimina
    2. Beh allora spero che tu torni al più presto a condurre una vita più serena, rispetto a quella attuale.

      (Anche se non serve a nulla, un abbraccio virtuale te lo do pure io.)

      Elimina
    3. Stai meglio oggi?

      Elimina
    4. cambi + nick di un camaleonte. :)
      meglio si grazie... ci scriverò sopra un post

      Elimina
    5. Beh con te pochi (solo anonim@ e RW). Quel povero alpexex se ne è beccati parecchi di più, ma sapeva perfettamente chi fossi.

      Comunque felice che tu stia meglio :)

      Elimina
  2. Vedi di tirarti su, uomo... che il mondo ha ancora bisogno di te, sia nella tua versione virtuale, che in quella reale....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi che anche tu hai dei lati umani? grazie rob!

      Elimina
  3. ..e tu hai la fortuna di poterla pensare almeno una figlia ....cazzo che rabbia....non può mancarti niente per quanta miseria ti avvolga...resistiamo a tutto tranne alla follia della solitudine.... buona fortuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considero i miei figli una fortuna, e sono preoccupato per loro. In questi tempi e in questa società di merda, niente è sicuro. Domani potrei trovarmi senza lavoro e non riuscirei più a garantire loro la possibilità di studiare. Io sono il loro welfare, ti rendi conto della follia? Sono ragazzi svegli e abili e il loro futuro dipende dal "culo" che avranno. Ti ringrazio di avermi aiutato a sciogliere un pezzo del nodo...

      Elimina
  4. Temo purtroppo che in natura l'incertezza del domani sia la norma.
    Ma, come dice l'anonimo, avere persone che ci amano e che amiamo è un'ancora di salvezza.
    Anche se purtroppo, non tutti se ne rendono conto e si fanno sopraffare da ansie e paure, sprofondando in abissi da cui non sempre si è in grado di ritornare.

    RispondiElimina
  5. C'e' un passaggio reale che voi due saltate : sono figli non cloni e neanche scemi da quel che capisco. compiranno lo stesso i vostri errori Se vogliono farlo e si daranno da fare se voi mancherete perché così e' da sempre non rendeteli impediti perche' voi pensate....troppi superuomini distruggono il mondo

    RispondiElimina
  6. A dire il vero non so chi siamo noi due. mi piace parlare alle persone ad una ad una. Ma il punto non è questo. Viola ha letto il post che porta il suo nome ed è venuta da me prendendomi in giro e dicendo che potrei cominciare a liberarmi del peso di un paio di chili di panza. Lo vedo da me che non è un mio clone, ma questa ironia penso di avergliela in parte trasmessa io...

    RispondiElimina
  7. A viola,figlia di g3rt:" Signorina carissima Viola, la prego, dica al padre suo che sta in terra fortunatamente per noi di aprire un nuovo tema ...che tutti noi blogghisti surrogati di terza mano si possa dare aria a nuovi orrizzonti virtuali ma possibili del nostro divenire. In breve lo stani lei, grazie e magari dica anche lei la sua .bacini,bacini. Anonimo

    RispondiElimina